martedì 10 luglio 2007

Recensione X-Men III


TITOLO ORIGINALE
: X-Men The Last Stand
NAZIONE: USA
GENERE: Fantasy
DURATA: 93 min
DATA DI USCITA: 2006
REGIA: Brett Ratner
CAST: Hugh Jackman, Halle Berry, Ian McKellen

Già presentato come l'ultimo capitolo della trilogia, nonostante il finale lasci qualche porta aperta, questo X-Men III conferma che la riduzione in cinecomics del classico Marvel è nata sotto una buona stella. Certo, l'epilogo beneficia della maturità dei primi due film di Bryan Singer ma Brett Ratner, da illustratore qual è, sa coinvolgere quanto basta. Jean Grey resuscita e diventa onnipontente. Subito Magneto cerca di arruolarla per l'attacco finale al cuore degli homo sapiens, che nel frattempo si sono dotati di una "cura" in carne ed ossa che può guarire i mutanti. Il problema è: sicuri che i super-poteri siano una malattia? Il limite del film sono i troppi personaggi. Le new entry Angelo e Bestia, due degli X-Men originari, meritavano più spazio. Detto questo, è da schizzinosi inorridire di fronte a un iperteconologico "pastiche" che è esattamente ciò che vuole essere: un divertente fumettone. Anzi, Hollywood dovrebbe farne più spesso di film così, con effetti speciali perfettamente calati nella fisicità delle situazioni come si vede bene nella notevole sequenza di morte di Xavier. Si chiude con X-Men III una trilogia che dimostra come il rapporto tra settima e ottava arte (quella in sequenza) possa essere fecondo.

VOTO: 6

1 commenti:

poldosbaffini@splinder.com ha detto...

Ricordo di rimanere in sala dopo i titoli finali perchè ci saranno ancora alcuni interessanti secondi di film sulla sorte di Xavier.